10 fatti curiosi sul vino che dovresti sapere

[:it]

Astronauti, pene severe, e preferenze elettorali. Il mondo gira intorno al vino. Per dimostrarvelo, eccovi dieci curiosità che non potete assolutamente perdervi.

  1. La pena prevista dal codice di Hammurabi (1800 a.c.) per la vendita fraudolenta di vino era l’annegamento.
  2. Il vino fragolino è ottenuto dalla Vitis lambrusca (detta anche uva fragola o americana) o dai suoi ibridi con la specie europea. Sia la normativa italiana, sia quella europea ne vietano la vendita, mentre può essere prodotto tranquillamente per il consumo personale. L’unica regione all’interno dell’UE in cui ne è consentita la vendita e la produzione a scopo commerciale è il Burgenland, in Austria. Il prodotto che troviamo sugli scaffali del supermercato invece, è un misto di vino, zucchero, sciroppi o aromi di frutta.
  3. Uno studio condotto da dei ricercatori francesi suggerisce che bere vino rosso aiuterebbe a contrastare gli effetti della microgravità, grazie alla presenza di resveratrolo. Pare infatti che questa sostanza, un antiossidante che impedisce la coagulazione del sangue, riduce il colesterolo “cattivo” e protegge i vasi sanguigni, sia in grado di contrastare la perdita di densità ossea e muscolare, uno dei maggiori problemi a cui vanno in contro gli astronauti durante la loro permanenza nello spazio.
  4. L’enofobia è l’avversione incontrollata e irrazionale nei confronti del vino.
  5. La California, con 224000 ettari coltivati da più di 900 produttori, rappresenta oltre il 90% della produzione vitivinicola degli Stati Uniti.
  6. Per produrre una bottiglia da 0,75l, servono in media, 1,2 Kg di uva.
  7. Nell’Antichità, la presenza di bollicine nel vino era attribuita all’influsso della luna e agli spiriti maligni.
  8. Una curiosa ricerca condotta da GFK (un’associazione consumatori americana) e pubblicata sul Washington Post, ha messo in relazione la propensione e le preferenze al voto con il consumo di alcolici. Tra le varie cose si è scoperto che gli elettori Democratici preferiscono consumare vini bianchi e frizzanti, possibilmente d’oltreoceano, mentre i Repubblicani sembrano preferire i vini rossi californiani.
  9. Il termine Vendemmia è riferito solo alle uve da vino, per le uve da tavola si parla di raccolta.
  10. Patrick McGovern (Università della Pennsylvania) ha analizzato dei residui contenuti in un’anfora di origine etrusca, risalente al 500 A.C., rinvenuta nei pressi di Lattes (Francia meridionale). La conclusione? Il vino francese è nato in Italia: furono gli etruschi ad introdurre le popolazioni locali alla viticoltura.
[:]
Recommended Posts

Leave a Comment